Locazioni residenziali: Residenza o domicilio?

Casa in affitto, residenza o domicilio? Il dilemma per gli inquilini!

Per chi decide di trasferirsi in una casa in affitto, cambiando magari città o addirittura regione, c’è una questione in più da affrontare, oltre a quella di trovare la soluzione giusta che ci faccia sentire “a casa”. La questione è quella della possibilità di cambiare residenza o di lasciarla magari a casa dei genitori e limitarsi ad un nuovo domicilio. Quale opzione conviene?

Se già si sa che la locazione avrà una durata limitata durerà due anni o poco più, si ha l’impressione che sia più la difficoltà delle pratiche che i benefici che derivano dall’avere la residenza nell’immobile in cui si vive. L’importante è sapere che non c’è alcun tipo di obbligo in questo senso.cambio residenza
Proviamo ad elencarle alcuni vantaggi:

1. I giovani sotto i 30 anni che spostano la loro residenza nella casa presa in affitto godono di una detrazione di 991.60€ per un reddito massimo di 15.493,71€. Detrazione che spetta per i primi tre anni di affitto, dopo di che avranno diritto alla detrazione prevista per chi ha in affitto un immobile con un contratto di 4 anni + 4 che è di 300 oppure 150 euro, a seconda delle diverse soglie di reddito.

2.  Un secondo vantaggio da non sottovalutare è l’agevolazione delle tariffe delle bollette che sono più basse per chi la residenza nell’immobile per cui chiede l’allacciamento delle utenze. Navigando in internet si segnala una tariffa di 2,329c€/kWh per i residenti, contro i 2,51c€/kWh per i non residenti.

3. Chi non spostano la residenza nella casa presa in affitto pagherà due volte l’imposta sui rifiuti, che è dovuta a chi occupa l’immobile, quindi dagli inquilini, ma viene anche calcolata anche sul nucleo familiare residente.

E’ vero che le pratiche saranno da ripetere nel giro di poco tempo se l’intento è quello di fermarsi solo due anni, ma grazie, ma grazie all’accelerarsi delle procedure degli ultimi tempi risulta meno impegnativo il trasferimento. Dal 9 maggio 201, infatti, il cambio di residenza avviene in tempo reale: decorre dal giorno in cui viene presentata la dichiarazione, che può essere presentata anche via mail, fax o raccomandata, compilando il “modello dichiarazione di residenza“, insieme ad una fotocopia del proprio documento d’identità in corso di validità.

Ti è piaciuto l'articolo?
Non perdere i prossimi post... iscriviti alla nostra news letter!
We respect your privacy.

Leave a Comment